Globalettica Teoria e politica della conoscenza
Globalettica Teoria e politica della conoscenza

Globalettica

Teoria e politica della conoscenza

Il concetto di globalettica è ricavato dalla forma del globo. Sulla sua superficie non esiste un centro: ogni punto è ugualmente centrale. Per quanto concerne il centro interno del globo, tutti i punti della superficie sono equidistanti da esso – come i raggi della ruota di una bicicletta che si congiungono nel mozzo. La globalettica coniuga globalità e dialettica per descrivere un dialogo che influisce su tutti gli interlocutori – o multilogo – nel contesto dei fenomeni della natura e della cultura, in uno spazio globale che sta rapidamente trascendendo gli spazi delimitati in modo artificiale, come la nazione e la regione. Il globale è ciò che vedono gli esseri umani a bordo di un’astronave o di una stazione spaziale internazionale; il dialettico è la dinamica interna che essi non vedono. La globalettica abbraccia l’interezza, l’interconnessione, l’eguaglianza di potenzialità delle parti, la tensione e il movimento. È un modo di pensare e di porsi in relazione con il mondo, in particolare nell’era della globalità e della globalizzazione.

Book details

About the author

Ngugi wa Thiong'o

Più volte candidato al premio Nobel, è uno dei massimi esponenti della letteratura africana. Dopo aver studiato a Kampala, in Uganda, e a Leeds, in Inghilterra, pubblica il suo primo romanzo Wheep Not, Child (1964; Se ne andranno le nuvole devastatrici, Jaca Book, 1975, 19762 ), ma è con A Grain of Wheat (1967, Un chicco di grano, Jaca Book, 1978, 2017) che guadagna fama internazionale. Nel 1977 pubblica Petals of Blood (Petali di sangue, Jaca Book, 1979), in cui condensa una dura critica alla società keniota postcoloniale. Incarcerato e poi costretto all’esilio, da tempo vive e insegna negli Stati Uniti. Nel 2015 Jaca Book ha pubblicato il saggio Decolonizzare la mente (ult. ed. 2021), seguito nel 2019 dal memoir Nella casa dell'interprete.

You will also like