Don Chisciotte, Fausto Coppi e i misteri del castello

Don Chisciotte, Fausto Coppi e i misteri del castello

Le colline del Monferrato fanno da sfondo a un romanzo che ci riporta a un’Italia ormai lontana: quella del Dopoguerra, del micromondo di paese, dello sport come modello di vita, un’Italia dove il ciclismo era una passione collettiva di gran lunga superiore a quella per il calcio. Tra le imprese ciclistiche spiccano in particolare quelle di Fausto Coppi, idolo comune dei tre protagonisti del romanzo, e amato fino alla follia da uno di loro, Umberto De Ambrosis. Dalla morte misteriosa e improvvisa di quest’ultimo, a seguito di una vita condotta in assoluto rigore e solitudine nel Castello isolato dal paese, con la sola compagnia dell’amico Evasio (detto Gregorio il gregario), l’amico d’infanzia Eligio De Giovanni è spinto ad approfondire le vicissitudini di Umberto, in cerca di risposte sull’accaduto. Uomo dalla fede quasi maniacale, geniale inventore chiuso nel suo mondo autosufficiente e impermeabile alla modernità, Umberto appare come un novello Don Chisciotte, in sella alla scattante bicicletta da corsa anziché a Ronzinante, sulla scia dei trionfi di Coppi, ai quali ha dedicato un preziosissimo santuario privato. L’ormai anziano De Giovanni, con il quale Umberto aveva tagliato i ponti da oltre cinquant’anni, e il compagno di una vita Gregorio si trovano così a ripercorrere le tappe di una vita spesa tra ossessione religiosa e sportiva, culminata nel pellegrinaggio da San Salvatore Monferrato a Roma in bici e nell’incontro fortuito con il mitico Fausto Coppi. Partendo da uno spunto giallistico, Gioanola confeziona un’appassionante storia di follia e amicizia, che trascina il lettore in una lunga volata fatta di ricordi, diari, documenti d’epoca, fino al traguardo finale che risolve il mistero del Castello.

Book details

About the author

Elio Gioanola

Elio Gioanola è nato a San Salvatore Monferrato (AL) nel 1934. Ha insegnato per trent’anni Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Genova. Con Jaca Book ha pubblicato, tra gli altri, i saggi Fenoglio. Il «libro grosso» in frantumi (2017); Manzoni. La prosa del mondo (2015, finalista al Premio Viareggio e vincitore del premio della critica); Montale. L’arte è la forma di vita di chi propriamente non vive (2011); Svevo’s story. Io non sono colui che visse, ma colui che descrissi (2009); Pirandello’s story. La vita o si vive o si scrive (2007); Psicanalisi e interpretazione letteraria (2005, ult. ed. 2017); Carlo Emilio Gadda. Topazi e altre gioie familiari (2004); Cesare Pavese. La realtà. l’altrove, il silenzio (2003); Giovanni Pascoli. Sentimenti filiali di un parricida (2000); Leopardi. La malinconia (1995, nuova ed. 2015), e i romanzi La malattia dell’altrove (2013); Giallo al Dipartimento di Psichiatria (2006); Martino De Nava ha visto la Madonna (2002); Ma l'amore no (2021). Sua anche La letteratura italiana (2016, in due tomi).

You will also like